Feeds:
Commenti

Archive for the ‘POESIE’ Category

buona-pasqua

Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: “Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio”.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”.

Gianni Rodari

Read Full Post »

LA MIA FELICITA’ SONO IO

“La mia felicità sono io, non tu,
non soltanto perchè tu puoi essere fugace,
ma anche perchè tu vuoi che io sia ciò che non sono.
Io non posso essere felice quando cambio
soltanto per soddisfare il tuo egoismo.
E non posso sentirmi felice quando mi critichi
perchè non penso i tuoi pensieri,
e non vedo come vedi tu.
Mi chiami ribelle.
Eppure ogni volta che ho respinto
le tue convinzioni tu ti sei ribellato alle mie.
Io non cerco di plasmare la tua mente.
So che ti sforzi di essere te stesso.
E non posso permettere che tu mi dica cosa devo essere…
Perchè sono impegnata a essere me.”

da Vivere Amare capirsi di Leo Buscaglia

felicita

Quante volte ho letto questa poesia dal 1984 a oggi.
È di quell’anno all’incirca la pubblicazione del libro.
La poesia è di Michelle, una ragazza morta suicida.

Read Full Post »

Lascia che sia fiorito,
Signore, il suo sentiero
quando a te la sua anima
e al mondo la sua pelle
dovra’ riconsegnare,
quando verrà al tuo cielo,
là dove in pieno giorno
risplendono le stelle.

Quando attraverserà
l’ultimo vecchio ponte,
ai suicidi dirà,
baciandoli alla fronte,
venite in Paradiso,
là dove vado anch’io,
perche’ non c’è l’inferno
nel mondo del buon Dio.

Fate che giunga a voi
con le sue ossa stanche,
seguito da migliaia
di quelle facce bianche,
fate che a Voi ritorni
fra i morti per oltraggio
che al cielo ed alla terra
mostrarono il coraggio.

Signori benpensanti
spero non vi dispiaccia
se in cielo in mezzo ai Santi
Dio fra le sue braccia
soffocherà il singhiozzo
di quelle labbra smorte
che all’odio e all’ignoranza
preferirono la morte.

Dio di misericordia,
il tuo bel Paradiso
lo hai fatto soprattutto
per chi non ha sorriso,
per quelli che han vissuto
con la coscienza pura.

L’inferno esiste solo
per chi ne ha paura.
Meglio di lui nessuno
mai ti potrà indicare
gli errori di noi tutti
che puoi e vuoi salvare.

Ascolta la sua voce
che ormai canta nel vento,
Dio di misericordia,
vedrai sarai contento,
Dio di misericordia vedrai
sarai contento…

Fabrizio De Andrè

paradiso

Read Full Post »

I never saw a Moor –
I never saw the Sea –
Yet know I how the Heather looks
And what a Billow be –
I never spoke with God
Nor visited in Heaven –
Yet certain am I of the spot
As if the Checks were given –

Non ho mai visto una Brughiera –
Non ho mai visto il Mare –
Eppure so come appare l’Erica
E che cos’è un’Onda –
Non ho mai parlato con Dio
Né visitato il Cielo –
Eppure certa son io del luogo
Come se il Biglietto fosse consegnato –

Emily Dickinson

11334412-immagine-hdr-della-brughiera-aperta-con-sfondo-delle-foreste

Questo Giorno non è nato da Dio.
Nessun giorno come questo nasce da Lui.
Questo Tempo è frutto di uomini demoni.
A questi demoni si metta una macina al collo e vengano gettati negli abissi del mare, disse il Figlio.
Oggi, in nome dello scandalo che portano ai Cuori, – Dio mi perdoni, – questi demoni io maledico, dagli abissi del cuore.
E non si chiami, la mia, rabbia, né vendetta.
La mia maledizione è grido nel deserto dell’ingiustizia.
“The Checks were given…”.

Read Full Post »

mamma-e-figlio_2

Morte del bambino

Era vivo, rideva,
camminava e giocava.
Natura, prendendolo che hai avuto?
Tu hai milioni
di uccelli colorati,
foreste, stelle, oceani,
il cielo infinito.
Perché l’hai strappato
dal seno della madre,
l’hai nascosto in seno alla terra
e l’hai ricoperto di fiori?

O Potente Natura
di miriadi di stelle e di fiori,
hai rubato un bambino!
S’è forse ingrandito
il tuo tesoro infinito?
Hai così aumentato d’un granello
La tua felicità?
Eppure, un cuore di mamma,
immenso come il tuo,
con la perdita del bambino
ha perduto tutto!

Rabindranath Tagore

Read Full Post »

Adam Lanza, 20 anni, ha sparato alla madre Nancy.
Quindi ha raggiunto la scuola elementare Sandy Hook, dove la madre insegnava e colpito in particolare i bambini della sua classe.
Oltre a venti bambi tra i 5 e i 10 anni, nella sparatoria hanno perso la vita sei adulti, tra cui il preside e lo psicologo dell’istituto.
Infine il ragazzo si uccide.

Sono avvenimenti questi su cui non rimane nulla da dire.
L’uomo è Caino e Abele.
Il Male esiste e così il Dolore che ne consegue.

bambino-a-scuola

Ho trovato sul web una poesia di Hermann Hesse,
intitolata “Per un bambino morto

Già te ne sei partito, tu, bambino,
senza sapere niente della vita
mentre noi vecchi ancora ci dibattiamo
nei nostri anni appassiti

Lo spazio di un respiro, un breve sguardo
ad assaporare luce e aria della terra
ti è stato sufficiente e già di troppo,
ti sei assopito e non ti desterai

Ma forse in uno sguardo, in un anelito
ti apparvero d’un tratto tutti i giuochi
e della vita tutte le sembianze
e inorridito tu ti ritraesti

Forse, bambino, quando i nostri occhi
si spegneranno un giorno, capiremo
che della terra non videro, bambino,
più di quanto non videro anche i tuoi

Hermann Hesse

Read Full Post »

In quanti modi ti amo? Fammeli contare.
Ti amo fino alla profondità, alla larghezza e all’altezza
Che la mia anima può raggiungere, quando partecipa invisibile
Agli scopi dell’Esistenza e della Grazia ideale.
Ti amo al pari della più modesta necessità
Di ogni giorno, al sole e al lume di candela.
Ti amo generosamente, come chi si batte per la Giustizia;
Ti amo con purezza, come chi si volge dalla Preghiera.
Ti amo con la passione che gettavo
Nei miei trascorsi dolori, e con la fiducia della mia infanzia.
Ti amo di un amore che credevo perduto
Insieme ai miei perduti santi, – ti amo col respiro,
I sorrisi, le lacrime, di tutta la mia vita! – e, se Dio vorrà,
Ti amerò ancora di più dopo la morte

Emily Dickinson

Read Full Post »

1096
Entra nella nostra scuola
un’anima teneramente triste
un nonno timido e dolce
indossa un elegante vestito
di semplice umiltà

Entra nelle nostre anime
il racconto di una fiaba nera
si insinua a piccoli passi
una scheggia di memoria
narrata sottovoce
con la stanchezza del dolore
con l’energia concitata
e smarrita di chi non può essere
dimenticato

Entra e con mani segnate
ci porta un dono sofferto
una sequenza di fotogrammi
in bianco e nero
registrati negli occhi
spiazzati da un sorriso
di un nonno bambino

La storia è più vera
grazie a te,
Adelino.

Sara Mazzei

Questa stupenda poesia è stampata su un foglietto diligentemente piegato che il signor Adelino mi mette tra le mani quasi vergognandosi.
Io che ho avuto l’onore e la fortuna di incontrarlo e di vederne il sorriso bambino e lo sguardo “spiazzato da un sorriso”, lo riconosco in ogni parola.
È uomo d’altri tempi il signor Adelino.
In lui il racconto diventa storia, una Storia da non dimenticare.

Read Full Post »

L’incanto discreto delle nuvole

Un sentiero macchiato di prato

Il bosco nascosto nelle favole

Un passatempo scontato.

Il sole impigliato tra i rami

In bocca la voglia di gelato

Dei grilli, nell’aria, i richiami

Un cucciolo di cane addormentato.

Annita Pozzani

Quando il quotidiano incombe, quando tutto il grigio della nostra società distratta pare soffocarci, quando ci sentiamo deboli e sconfitti, la poesia che il cuore dei poeti canta, solo quella ci può consolare… Perciò, grazie Annita, dolce cara Annita, grazie!

Read Full Post »

Oggi è uno di quei giorni senza parole.
Uno di quei giorni in cui cerchi solo silenzio e il cuore batte piano.
Oggi nulla mi può toccare perché me ne sto rincantucciata in un angolo che è solo mio e nessuno potrebbe mai raggiungere.
Lì, in quell’angolino polveroso, dove anche i piccoli ragni possono tessere in pace ragnatele lievi, trovo la quiete che cerco.
Oggi osservo il mondo come se non ne fossi parte.
Lo devo fare a volte, per non rischiare che la speranza nel bene soffochi e muoia tra le mie braccia.
Nel mio silenzio vivono i sogni e le speranze trovano riposo.
Riposiamo insieme, mentre i ragnetti zampettano leggeri e tessono per noi disegni misteriosi.

Read Full Post »

Older Posts »